profilo demografico del mese di giugno 2012 in Russia

Il tema della crisi demografica in Russia è in procinto di passare di moda. Curiosamente, in effetti, ci sono molti meno articoli sulla crisi  demografica russa.  Solo uno o due anni fa, molti esperti prevedevano un collasso totale della popolazione russa, essendo il paese minacciato da una crisi demografica senza precedenti. La Russia, si leggeva, era inoltre una società “troppo chiusa e conservatrice, di accettare una vera politica di immigrazione” e l’inerzia dei fenomeni demografici era presumibilmente così inesorabile che “non poteva sperare di invertire la tendenza.” Spesso, queste stime demografiche sono totalmente irrazionali ed emotive, basate su dati assolutamente avulsi dalla la struttura
sociologica della popolazione, dai cambiamenti demografici brutali, essi stessi legati a brutali cambiamenti socio-politici.

E ‘vero che il paese ha attraversato una crisi demografica senza precedenti. Il 1991 è stato l’ultimo anno con un saldo naturale positivo (escluso l’immigrazione) determinato da 1,794,626 di nascite e da 1,690,657 di decessi, con un incremento di popolazione di 103,969 abitanti. Poi la popolazione cominciò a diminuire, nonostante l’enorme flusso di entrate/uscite che ha accompagnato la ricomposizione geopolitica e umana post-sovietica. Se si considerano solo i cali annuali della popolazione naturale (nascite – decessi), la Federazione russa ha perso 11,236,989 persone nel periodo dal 1991 al 2005. Naturalmente, a causa del grande flusso di immigrazione (il ritorno di milioni di russi dalle repubbliche sovietiche e la forte immigrazione di persone provenienti dalla CSI) il calo è stato mitigato e la popolazione della Federazione Russa è scesa “solo” di 5.280.000 unità nello stesso periodo.
Dal 1991 al 2005, il calo naturale della popolazione è stato di 11,236,989 abitanti, con una diminuzione media annua di 802,642 persone.
Dal 2005 al 2009, il calo naturale della popolazione (nascite-morti) è stato 2,614,811 abitanti, pari a una diminuzione media annua di 522,960
abitanti.
Dal 2009 al 2011, il declino naturale è pari a 619.687 abitanti, pari a una riduzione media annua di 206,429 abitanti.
Dal 2003, le autorità russe hanno stimato che il problema della popolazione è stato uno dei principali problemi della Russia. Dal 2005, il calo naturale della popolazione ha cominciato a rallentare, soprattutto grazie al miglioramento delle condizioni economiche, ma anche perché molti bambini nati negli anni ’80 sono ormai abbastanza grandi per riprodurre a loro volta. Nel 2005 lo Stato ha anche lanciato un programma nazionale di “salute”, affidato a Dmitri Medvedev, allora vice-primo Ministro incaricato dei progetti nazionali prioritari. Destinato a stimolare il tasso di natalità e abbassare quello di mortalità, questo gruppo new deal demografico ha conseguito un buon successo.
Alcuni dati per comprendere le grandi variazioni negli ultimi anni:
– Tra il 1999 e il 2011, il numero delle nascite è passato da 1.214.689 a 1.796.629 e il numero di morti da 2.365.826 nel 2003 a 1.925.720 nel 2011.
– Il tasso di fertilità, che si attesta a 2,02 figli per donna nel 1989 è sceso a 1,15 figli per donna nel 1999, salendo a 1,61 figli / donna nel 2011.
– Dal 1991 al 2005, ossia in 14 anni, ci sono stati ufficialmente 34,978,220 aborti, una media annuale di 2,5 milioni di aborti (fonti qui e la).
Dal 2005 al 2011, quindi in 7 anni, il numero degli aborti è stato di 9.590.573, una media annuale, quindi, di 1,370 milioni. Tuttavia, la riduzione degli aborti è innescata, in quanto vi erano 1,675,693 aborti nel 2005, contro 989.375 nel 2011. Curiosamente, questo genocidio è ignorato dalla stragrande maggioranza dei commentatori.Infine, grazie a una immigrazione controllata e più o meno stabilizzata a 250.000/300.000 ingressi annuali, la popolazione è leggermente aumentata nel 2009 (30.000), si è attestata nel 2010, e di nuovo in aumento nel 2011 (190.000), per raggiungere i 143 milioni di abitanti il 1° GENNAIO 2012.

Che cosa succede nel 2012?

I dati relativi ai primi 6 mesi dell’anno sono disponibili e confermano chiaramente la tendenza attuale. Il primo semestre del 2012 ha visto  905,739 nascite contro 842,579 nascite nel primo semestre del 2011 (+7,5%); 962,666 contro 981,399 morti nel primo semestre del 2011 (-1,9%).
Il calo naturale della popolazione per il primo semestre del 2012 è di 56,927 abitanti, contro un calo di 138,820 abitanti, nella prima metà
del 2011.

E ‘interessante osservare i dati demografici degli ultimi 12 mesi, il periodo dal luglio 2011 al giugno 2012. Durante questo periodo ci sono stati 1,856,988 nascite e 1,906,303 decessi, con un decremento della popolazione naturale di 49,315 persone.
Come avevo previsto lo scorso dicembre, quindi il 2012 dovrebbe vedere più di 1, 8 milioni di nascite e 1, 9 milioni di morticon una diminuzione della popolazione probabilmente intorno a 50 o 60 mila unità, contro un calo di 130.000 abitanti nel 2011, 240.000 nel 2010 e 290.000 nel 2009.
Il tasso di fecondità dovrebbe raggiungere nel 2012, 1,7 / 1,75 figli per donna e l’aspettativa di vita di un bambino nato quest’anno è ormai di 70 anni quindi al livello dei paesi dell’Unione europea (Romania o paesi baltici …). Con il declino della mortalità e degli aborti, il probabile aumento
delle nascite (o almeno la loro stabilizzazione), affiancati a un saldo migratorio stabile e positivo, la popolazione non dovrebbe verosimilmente più diminuire, ma sensibilmente aumentare entro il 2020. Possiamo ben immaginare che la popolazione russa raggiungerà 145 o 146 milioni di persone nel 2020, in linea con la versione ottimistica delle previsioni demografiche pubblicate da Rosstat.

Leave a Reply

Your email address will not be published.