Il futuro dell’Europa è la Russia!

“Non c’è dubbio che la fine della Guerra Fredda” abbia segnato la fine della fase più lunga dello sviluppo internazionale – 400-500 anni, durante i quali la civiltà europea ha dominato il mondo. L’Occidente storico ha sempre portato aventi questa posizione dominante.”


“Il nuovo stadio è talvolta definito come ‘post-americano’. Ma certo questo non è il ‘mondo dopo gli Stati Uniti’ e tanto più senza gli Stati Uniti. Si tratta di un mondo, dove, in seguito alla nascita di altri centri di potere e influenza a livello mondiale, l’importanza relativa del ruolo d’America è ridotta, come era già avvenuto negli ultimi dieci anni nell’Economia e nel Commercio globali. La leadership è un altro problema, in particolare è quello di ottenere un accordo tra le parti, la capacità di essere il primo, ma tra uguali”.


“Per definire il contenuto dell’ordine mondiale in formazione, ci sono anche termini come multipolare, policentrico, non-polare”.


“Noi non condividiamo i timori che la riconfigurazione attuale stia inevitabilmente portando il mondo nel ‘caos e nell’anarchia’. “Vi è il naturale processo di formazione di una nuova architettura internazionale – sia a livello politico che finanziario ed economici, che soddisfano le nuove realtà.


“La Russia vede se stessa come parte della civiltà europea, che possiede delle comuni radici cristiane”.


“Il duro modello anglo-sassone di sviluppo socio-economico presenta di nuovo delle tare, come negli anni ‘20 del XX.mo secolo. L’Occidente aveva creato una architettura finanziaria e un quadro economico globale soprattutto a sua immagine. Ed ora, che siamo in presenza dello spostamento riconosciuto da tutte le forze economiche e finanziarie verso le nuove economie in rapida crescita di Cina, India, Russia, Brasile, diventa evidente che questo sistema non è adeguato alla nuova realtà s. Fondamentalmente, abbiamo bisogno di una base finanziaria ed economica, che corrispondeva al mondo policentrico di oggi.”


***

A più di un anno dall’intervento di Sergei Lavrov (Giugno 2008) una cosa è chiara, la crisi finanziaria è pienamente confermata. All’alba dell’autunno del 2009, l’Occidente si sta preparando a uscire dalla storia attraverso la porta sul retro, dopo aver mandato in metastasi tutta l’umanità. In questo nuovo mondo in configurazione, è bene chiedere quale sia il ruolo che le nazioni dell’Europa continentale vogliono giocare.

Nel momento in cui le linee di faglia stanno diventando sempre più illeggibili, vale la pena ricordare che l’unica possibilità di sopravvivenza degli europei autoctoni è quello di sopravvivere fuori dalla suicida carreggiata atlantista e sviluppare una collaborazione ampia e integrata con la Federazione Russa, in modo che la coppia “Euro-Russa” mantenga la pace nell’Heartland, in seno a questo nuovo mondo multipolare e policentrico.


In un mondo policentrico e multipolare, l’unità europea è inevitabile

Lungi dal contrastare l’idealismo politico, la realtà del mondo di domani passa attraverso l’economia e la demografia. Il declino dell’influenza americana si riflette anche nell’aumento dell’influenza di numerosi altri operatori (BRIC, mondo arabo-musulmano ricco di energia e di capitale umano). La popolazione mondiale ha ormai raggiunto i 6,5 miliardi di persone e prevede di superare i 9 miliardi entro il 2050. L’Europa, che ora ha 728 milioni di abitanti (1/3 al di fuori dell’UE) dovrebbe vedere la sua popolazione cadere tra i 564 milioni e i 632 milioni di abitanti, che rappresenta tra il 7 e l’8% della popolazione mondiale, e meno del 20% del PIL o quasi, quanto la Cina da sola(!). La Francia, per fare un esempio, dovrebbe avere 70 milioni di abitanti nel 2050, che rappresenteranno lo 0,8% della popolazione mondiale, uno su tre avrà più di 60 anni(!) e la metà dello strato più giovane della sua popolazione sarà, in quel momento, di origine non europea, principalmente afro-maghribina.

In questo contesto, e nonostante i discorsi decisi delle personalità più credibili e interessanti (Nicolas Dupont Aignant, Paul Marie Couteaux o Jean Pierre Chevènement, per citarne alcuni) l’uscita dall’UE e i ritorno al “sovranismo” nazionale è probabilmente l’ultima delle soluzioni da prendere in considerazione. L’Unione europea è certamente imperfetta al 99%, ma è viziata in quanto è guidata da Bruxelles, che è il portavoce del partito “americano“, che tratta l’Europa come una colonia americana.

Peggio ancora, gli americani (che vogliono prima di tutto mantenere la loro posizione dominante e difendere i loro interessi) non vogliono un’Europa unita e potente, in grado di non seguire la loro offensiva militare illegale, se non addirittura di opporvisi diplomaticamente o addirittura militarmente. È per questo che gli americani fanno di “tutto” per inserire il loro cavallo di Troia (turco) in Europa, a seminare discordia e destabilizzare in un insieme omogeneo. Né si deve dimenticare che la Turchia, il secondo esercito della NATO, con Israele il pedone dell’America in Medio Oriente, e quella che occupa militarmente l’Europa (Cipro).

Questo è la ragione per cui gli americani hanno fatto di tutto per dissuadere De Gaulle dall’ottenere l’indipendenza nucleare e lasciare il comando integrato della NATO. Perché una Francia indipendente è un preludio di un’Europa indipendente, che potrebbe portare ai peggiori scenari per gli strateghi americani, perdendo il vantaggio acquisito alla fine della guerra (l’occupazione dell’Europa occidentale) e quindi la presa sul “fronte occidentale” dell’Heartland.

Anche per questo motivo alcuni strateghi del “partito americano” in Europa, hanno pienamente compreso l’interesse a sostenere il “rifiuto” all’UE sostenendo i partiti “Eurofobi”, come è accaduto apertamente nel caso dell’Irlanda, con l’esempio dei candidato Libertas. Più di recente, il Bruxellofobo Philippe de Villiers ha anche aderito al partito atlantista di Nicolas Sarkozy, l’UMP, anche se apertamente europeista e dopo che aveva fatto reinserire la Francia nel comando integrato della NATO.


La perdita di sovranità dei paesi europei è un processo che ha vissuto due fasi principali.

* Il primo è la fine degli imperi, col Trattato di Westfalia, e la promozione dell’identità nazionale (Stato-nazione) come identità primaria. Questa nazionalizzazione dell’identità europea ha creato le condizioni per la guerra dei trent’anni che ha devastato il nostro continente nella prima metà del 20° secolo. Curieux hasard, le traité de westphalie mettait lui également fin à une guerre civile européenne de 30 ans. Curiosa coincidenza, il Trattato di Westfalia messo fermare una guerra civile europea di 30 anni.

* La seconda fase è la frammentazione regionale. Questo processo politico che ci viene detto come eminentemente progressista (le regioni sarebbero la fase finale dell’integrazione politica europea) è infatti il risultato di un processo politico di una volontà esterna, per indebolire l’Europa tramite le fratture in entità delle loro piccole dimensioni e senza nessuna autonomia, né sovranità economica o militare. Questo era particolarmente vero per l’Europa orientale, come Cecoslovacchia, Jugoslavia e Unione Sovietica, per ovvie ragioni: queste nazioni non hanno ‘lambito’ il bagno occidentale, poiché erano sospettate per la loro riluttanza nell’allineamento all’area euro-atlantica.


Ciò che è più sorprendente, quindi, è che i partiti europei maggiormente regionalisti, siano i partiti decisamente più europeisti e più attivi in favore dell’espansione della NATO e dell’integrazione euro-atlantica. Queste stesse “linee” politiche sono condivise dai commissari di Bruxelles, gli agenti zelanti degli interessi americani in Europa.

Evidentemente l’Europa di Bruxelles si oppone all’Europa potente e indipendente che vogliamo. L’Unione europea carnale e reale (non legale) è comunque l’unico obiettivo da difendere affinché gli europei siano padroni del loro destino e, una volta ridiventati attori e non solo spettatori. Oltre al fatto che il mondo di domani non sarà probabilmente più “aperto” di quello che consociamo, sarà plausibilmente un mondo di confronti, blocchi in conflitto, di territori, zone e civiltà. In questo mondo di crescenti tensioni, la chiave per l’Europa sarà quello di costruire una struttura di difesa che le appartenga e gli permetta di proteggere i suoi interessi e dei suoi cittadini. In questo senso, le proposte del Presidente Medvedev sulla necessità di creare una struttura di sicurezza Pan-Europea (in sostituzione della NATO) è una sfida molto interessante per l’Europa.


In un mondo policentrico e multipolare, uscire dalla NATO e creare una di difesa continentale non atlantica

La NATO è un’alleanza militare formata nel 1949 per contrastare l’Unione Sovietica, ma anche il rischio di una futura situazione nuova per l’Europa, come s’è visto con la Germania. Rapidamente, questa partnership sotto il controllo Anglosassone, ha indotto la formazione di un’alleanza concorrente nell’altro blocco (URSS) nel 1955: ‘il Patto di Varsavia’. Questa duplice alleanza divideva il mondo in due blocchi rivali fino al 1958, quando la Francia di De Gaulle ha deciso di lasciare il blocco anglo-sassone e sviluppare il proprio programma nucleare. Nel 1966, la Francia lasciò il comando della NATO e il quartier generale della NATO si spostò da Parigi a Bruxelles, dov’è ancora oggi, dunque Bruxelles ospita le istituzioni europee e quelle della NATO. La svolta, meno di 30 anni dopo, nel 1995, del presidente francese Chirac che iniziò i negoziati per reintegrarsi nel comando unificato della NATO, è approvata e attuata dal presidente Nicolas Sarkozy, il 17 Marzo 2009.

È quindi opportuno chiedersi quali siano le ragioni per il ritorno della Francia come attore chiave nella NATO. Questa, in effetti, non ha oggi che due funzioni principali, che sono nel puro interesse dell’America, ma vanno totalmente contro gli interessi europei.

In primo luogo è diventata un’arma di conquista del cuore eurasiatico da parte dell’America, e in questo senso la sua estensione ad est, ai confini della Russia, passa con l’adesione di nuovi paesi (Nuova Europa) con motivazioni erronee, quali la paura dell’imperialismo storico russo, che non esiste, ma che gli strateghi statunitensi mantengono perfettamente in vita.

Sotto la copertura dell’ingresso nel ‘partenariato euro-atlantico’, la NATO si trasferì direttamente nel cuore dell’Europa, per spingere la Russia in un angolo dell’Oriente e dividere ancora l’Europa, stabilendo basi militare al confine con la Russia. Questo è il vero obiettivo della campagna di Serbia (la Serbia è una pedina russa nella logica del Pentagono), con la base Bondsteel, ma anche della rivoluzione orchestrata in Ucraina, il cui obiettivo è quello di installare una base americana in Crimea, al posto dell’attuale base russa.

Dall’11/09/2001 anche la NATO è stata trasformata in un “esercito di crociati“, agli occhi del mondo musulmano, e gli strateghi stessi hanno cercato di convincerci che la NATO è un baluardo contro l’estremismo islamico e l’aggressione terroristica. Non c’è bisogno di essere degli eruditi per capire che le campagne in Iraq e in Afghanistan, anche se fossero vinte (cosa improbabile) non sconfiggerebbero il terrorismo “islamico“. L’islamismo è ora usato come uno scudo e paravento per giustificare degli obiettivi geopolitici assai precedenti. Non è sospetto che l’attacco all’Afghanistan sia stata motivata dall’11/09, ma pianificata con largo anticipo e che il suo vero obiettivo è l’installazione delle truppe statunitensi nel cuore dell’Eurasia? Si può ridere senza credere che l’Iraq baathista di Saddam Hussein sia stato un vettore globale del terrorismo islamico, o piuttosto preso a bersaglio per i suoi pozzi di petrolio?

Le guerre di dominio dell’impero americano sono delle guerre per controllare le risorse naturali, qui sono concentrate (oltre all’Artico) tra la penisola Araba, l’Irak, l’Iran, il Golfo Persico, il sud della Russia (Caucaso) e in Afghanistan. Insomma questi conflitti per l’energia scatenati per falsi motivi, non sono quelli dell’Europa. Peggio ancora, essi possono provocare tensioni etnico-religiose sul territorio dell’Europa. La disintegrazione della Jugoslavia ha dimostrato quanto una struttura di sicurezza sia essenziale per mantenere l’armonia e affrontare la destabilizzazione dall’esterno.


Il recente caso del Kosovo ha dimostrato perfettamente come l’Europa sia la testa di ponte degli Stati Uniti per “attaccare” e “conquistare l’Eurasia” e, dunque, la Russia e creare tensioni tra i popoli europei e in particolare con la Russia, a cui l’‘avvertimento’ serbo era stato inviato. Il culmine di questa politica di conquista, il voto del Silk road strategy Act, da parte del Congresso US nel 1999, destinato a “promuovere l’indipendenza del Caucaso e dell’Asia centrale, e creare un ponte terrestre su cui deviare il commercio di questi paesi con l’Occidente (che attualmente passa attraverso il territorio russo) verso il percorso dell’antica Via della Seta, che conduce ai porti turchi, un paese della NATO”. L’oleodotto BTC, che passa attraverso la Georgia, fa parte della strategia e spiega in parte lo sviluppo dell’assistenza militare alla Georgia dopo l’avvento al potere di Mikhail Saakashvili.


In un mondo policentrico e multipolare, per prevenire la terraferma disintegrazione continentale

Sempre nel 1999, nonostante l’attacco alla Serbia, e dopo 10 anni di collasso totale, l’avvento al potere di Vladimir Putin porta la Russia a recuperare e a riprendersi la sua posizione nella scena politica mondiale. Con l’Europa oscillante verso la NATO (in cui le nazioni europee partecipavano all’aggressione contro la Serbia), la Russia, la Cina e le nazioni musulmane dell’Asia Centrale nel 2001 hanno creato la SCO, come anche l’OSTC nel 2002. Queste alleanze militari eurasiatiche e inter-religiose sono progettate per respingere il duplice accerchiamento di Russia e Cina, da parte dell’Esercito US e per difendere i confini regionali eurasiatici. Nelle parole di Zbigniew Brzezinski: “La strategia eurasiatica degli Stati Uniti ha generato una reazione col riavvicinamento tra la Russia e la Cina. Le due potenze continentali stanno costruendo una vera e propria alleanza militare contro la coalizione anglo-sassone e dei suoi alleati“.  Questa offensiva americana verso est (da Berlino a Kiev) s’è materializzata in due fasi essenziali, dal 1996 al 2009.

* Nel 1996 è stata creata l’organizzazione GUUAM comprendente Georgia, Uzbekistan, Ucraina, Azerbaigian e la Moldavia. Queste nazioni desideravano, in quel momento, uscire dal girone post-sovietico, dopo la caduta del muro e nel contesto del crollo dello stato russo. Non è sorprendente che queste nazioni abbiano posizioni geografiche strategiche e, pertanto, siano state vittime di rivoluzioni colorate finanziate da ONG vicine alla CIA (Rivoluzione Arancione, dei tulipani, delle rose e di recente, in Moldova, dopo le elezioni) come anche dei cambiamenti di regimi pro-occidentali. Simbolo del “colore” di questa associazione, i membri osservatori sono la Turchia e la Lettonia(!). Tuttavia, questi regimi rovesciati non hanno ottenuto i risultati desiderati dai loro sostenitori (integrazione nella NATO e nell’UE, miglioramento del tenore di vita ..), ma invece hanno portato ad un peggioramento della situazione economica e ad alcuna integrazione nelle strutture euro-atlantiche. E’ la ragione per la quale l’uscita dell’Uzbekistan, nel 2005, e il mancato raggiungimento di obiettivi concreti dell’organizzazione, l’hanno messa fuori servizio e per cui, nel maggio 2006, il politologo azero Zardust Alizade esprimeva ancora i suoi dubbi sulle ‘prospettive di sviluppo dell’alleanza e l’ottenimento di risultati concreti’.


* Oggi, il secondo passo si materializza aggressivamente con l’apparire di un nuovo fronte che potrebbe essere chiamato GUA (Georgia, Ucraina, Artico).

In Georgia: l’incapacità politica del presidente ha spinto gli strateghi americani a lanciare un’operazione militare nell’ agosto 2008, comunque fallito, perché l’esercito russo ha reagito con forza e “liberato” i territori dell’Ossezia e d’Abkhazia. Questo conflitto è il primo conflitto tra la Russia e l’America fuori dai confini della Russia (il precedente è la destabilizzazione Wahabita in Cecenia, fomentata in larga misura dalla CIA).

In Ucraina il recente conflitto sul gas riflette le crescenti tensioni e un osservatore perspicace ha pensato, recentemente, che “una guerra limitata con il pretesto di una disputa territoriale, dovrebbe esplodere conducendo all’interruzione delle forniture di gas per un periodo più o meno lungo, la crisi del gas dovrebbe portare i consumatori europei a un simile taglio”.

L’Artico richiede un proprio sviluppo, esorto i miei lettori a leggere i miei articoli precedenti in proposito e a visitare il blog “zebrastationpolaire“, al riguardo.

Queste tattiche di accerchiamento, di contenimento e di destabilizzazione hanno obiettivi diversi:

– Controllare Mar Nero, del Mar Caspio e del Baltico e le zone chiave per il transito tra Oriente e Occidente.

– Dominare i futuri corridoi energetici, attraverso un progetto di costruzione di oleogasdotti, che aggiri la Russia e che colleghi le regioni del Mar Caspio, Mar Nero e del Mar Baltico.

– Estendere l’influenza della NATO a est, nel cuore dell’Eurasia per ridurre la sfera di influenza russa (nel suo vicino all’estero), ma soprattutto in Europa, e prevenire un possibile sviluppo dell’influenza cinese in Asia centrale

Ovviamente un lettore ignaro dirà che i russi e gli americani hanno continuato a competere dal 1945 e, in generale, questo non è il caso dell’Europa e degli europei. I realtà è esattamente il contrario …


In un mondo policentrico e multipolare, l’alleanza Euro-Russa è la chiave di volta della pace nel continente

Le conseguenze di cui sopra sono assolutamente drammatiche per l’Europa. Esse hanno per conseguenza di dividerci dalla Russia sul piano della civiltà, della geopolitica e della politica energetica o, ancora, di creare un nuovo muro in Europa, non a Berlino, ma nel cuore dell’Ucraina, che separa l’Occidente (sotto l’influenza americana) dall’Oriente (sotto l’influenza della Russia). Più prosaicamente, questo linea di faglia “quasi” taglia l’Europa ortodossa da quella cattolica-protestante, riprendendo la visione delle culture separate di S. Hungtinton, nella sua opera ‘lo scontro delle civiltà’. Infine vale la pena notare che la Cina, l’attore geopolitico ed economico maggiore, giudica probabilmente l’Europa (attraverso la NATO), co-responsabile della situazione di accerchiamento che subisce, sia in Occidente (Asia Centrale) che ad est (nel Pacifico, al largo delle sue coste). La rottura con due attori-chiave come la Russia (il paese più grande del mondo) e Cina (il paese più popoloso del mondo) è doppiamente grave. In caso di crescente tensione tra la NATO e la SCO, la Francia e i paesi dell’Europa occidentale sarebbe in conflitto con una organizzazione che riunisce quasi un terzo degli abitanti del mondo, copre 32,3 milioni km quadrati e possiede il 20% delle risorse energetiche mondiali di petrolio, il 38% di gas naturale, il 40% di carbone e il 50% di uranio.

La strategia di separazione dalla Russia e dell’Europa occidentale e centrale, può anche aver come conseguenza la “limitazione” dell’Europa in un micro-territorio incastrato nell’ovest del continente e di tagliarla dalle immense possibilità che le offrirebbe un partenariato con la Russia.


· L’Europa ha bisogno della Russia per il livello energetico, perché essa ha riserve di petrolio e gas di cui l’Europa ha bisogno. La Russia è un fornitore stabile, come dimostra il suo rapporto con la Turchia, che non soffre di alcun problema di approvvigionamento (si deve ricordare che i tagli alle forniture durante la guerra del gas con l’Ucraina, erano dovuti a quest’ultima, ma i ‘media’ hanno curiosamente incolpato la Russia). La questione energetica è cruciale, poiché  l’Europa, sotto il comando americano, si vede offrire della alternative ad alto rischio, come la sostituzione della Russia con la Turchia (paese della NATO candidato all’adesione all’Unione europea!), in qualità di fornitore (Nabucco invece che South Stream) o, ancora, a partecipare a dei conflitti per l’energia (Iraq), che potrebbero esplodere.


· L’Europa ha bisogno il potenziale favolosa della Russia, tanto per il potenziale umano dei suoi 140 milioni di abitanti, che geografico, con i suoi 17 milioni di chilometri quadrati e il suo sbocco sul Pacifico. Diverrebbe un giocatore di primo piano nel mondo, come l’Asia, che è in pieno sviluppo.


· Anche la Russia ha bisogno dell’Europa e degli europei, sia per il movimento di materie prime che per le sue tecnologie o capitale umano, che potrebbe utilizzare per riempire lo spopolamento nelle zone a oriente degli Urali. Infine e soprattutto, ha bisogno dell’Europa come alleato naturale, complementare, poiché nata dalla stessa civiltà.


In realtà, questa unità Euro-Russa (sola garante della pace e dell’indipendenza dei popoli del continente), non solo è di vitale importanza, è auspicabile poiché gli europei occidentali e la Russia, in primo luogo, appartengono alla stessa civiltà.

Come ha detto Natalia Narochnitskaya recentemente, in una conferenza a Parigi: “La vera cooperazione tra la Russia e l’Europa potrebbe però dare un nuovo impulso al nostro continente all’alba del terzo millennio. Le grandi culture romano-germanica e russo-ortodossa condividono le stesse fondamenta cristiana, apostolica e spirituale. Gli europei, siano essi occidentali o russi, hanno dato al mondo i più grandi esempi della spiritualità ortodossa e latina.”

È per questo che il futuro dell’Europa è la Russia.


Traduzione di Alessandro Lattanzio

3 thoughts on “Il futuro dell’Europa è la Russia!

  1. Superb Jon

    Brzezinski wants to ensnare both Russia & US in Afghanistan abyss. (Poland Zbiggerpower New Statesman Aug 2009) Vatican Osservatore Romano editor Vian said on May 18th that Obama “is not a pro-abortion president.” Proves Vatican abortion stand to encourage Catholics to breed and to encourage non-Catholics to abort out of spite. The Vatican likes the abortion status quo in the USA for this reason. Their purpose is only conquest, not faith. Carolignian Brzezinski spawned Zia al Haq, Khomeini, and bin Laden – breaks up superpowers via Aztlan and Kosovo as per Joel Garreau’s Nine Nations. Brzezinski, Buckley and Buchanan winked anti-Semitic votes for Obama, delivered USA to Pope’s feudal basket of Bamana Republics. Michael Pfleger and Joe Biden prove Obama is the Pope’s boy. Obama is half a Kearney from County Offaly in Ireland. Talal got Pontifical medal as Fatima mandates Catholic-Muslim union against Jews (Francis Johnson, Great Sign, 1979, p. 126), Catholic Roger Taney wrote Dred Scott decision. John Wilkes Booth, Tammany Hall and Joe McCarthy were Catholics. Now Catholic majority Supreme Court. Catholics Palmisano, Grasso, Damato, Langone, Mozilo, Ranieri, Dioguardi, Palmieri destroyed American industry. Subprime construction mobsters had hookers deliver mortgages to banks. McCain’s Keeting started it all. They find American cars too advanced to use or their mechanics to fix. Ellis Island Popeholes brought in FDR. Their slovenly, anti-intellectual work ethic produces vacuous, casuistrous blather and a tangle of contradictory regulations as Pio Nino banned democracy. Their clubhouse purges provided praetorian training for corporate misgovernance. Every American boom has been caused by an Evangelical Revival and every major Depression by the domination of new Catholic immigrants. NYC top drop outs: Hispanic 32%, Black 25%, Italian 20%. NYC top illegals: Ecuadorean, Italian, Polish. Ate glis-glis but blamed plague on others, now lettuce coli. Their bigotry most encouraged terror yet they reap most security funds. Rabbi circumcises lower, Pope upper brain. Tort explosion by glib casuistry. Hollywood Joe Kennedy had Bing Crosby proselytize. Bazelya 1992 case proves PLO-IRA-KLA links. Our enemy is the Bru666elles Sineurabia feudal Axis and the only answer is alliance with Israel and India. They killed six million Jews, a million Serbs, half a million freemasons, a quarter million Gypsies, they guided the slaughter of Assyrians and Armenians, and promoted the art of genocide throughout the world now they are relentles sin their year to canonize nazi pope. They had no qualms hijacking American policy in Vietnam or Balkans to papal ends, but when American interests opposed those of the papacy in Iraq and Iran, they showed their true fangs (Frum, Unpatriotic Conservatives). See for example George Marlin’s history of the conservative party in New York or Paul Johnson’s Modern Times, extolling the rise of Carolignianism of Adenauer, de Gaulle, and Gaspieri, forgetting that Hitler, too, was Carolignian and a Catholic altar boy. They could not countenance a Mormon President or a Kenyan Pope! They broke their own coalition with their foreign adventures and with their unwillingness to extend home and school subsidies to other races, as evidenced by their missing their own Obama moment when they could have elected a Kenyan pope. Obama was Brzezinski’s revenge, to break up the USA, as feared Kenyan pope would break up Vatican.

    Reply
  2. Jaio Furlanâr

    Mi sembra davvero che sia ora che gli europei si rendano conto che aiutando gli americani a far guerre per il controllo delle materie prime, si mettono nei pasticci. Gli Usa, in caso di problema energetico, si prenderanno tutto per loro e del resto lo fanno già.

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published.